Vigo di Fassa

Vigo di Fassa (in ladino Vich, pronuncia vik), è un comune di 1.142 abitanti e sorge a 1.382 metri slm. Dalla sua posizione privilegiata, disposto su un ampio e soleggiato terrazzamento, Vigo di Fassa domina sull'intera valle. Per la sua centralità e per la presenza della primaria via di comunicazione con il nord, Vigo ha rivestito nel passato l'antico ruolo di centro amministrativo e religioso della valle, con la fondazione della Pieve di Fassa e l'istituzione della Masseria di Corte al tempo dei Longobardi.

Vigo di Fassa è un centro sciistico del comprensorio della Val di Fassa / Dolomiti Superski. Il paese è ricco di infrastrutture alberghiere, ed è un importante centro di escursioni estive nel massiccio del Catinaccio - Rosengarten.

Il Gruppo del Catinaccio Rosengarten, di cui Vigo di Fassa rappresenta la porta d'accesso principale, fa parte dei nove gruppi dolomitici riconosciuti quali patrimonio naturale dell'umanità da parte dell'UNESCO.

Il centro del paese è attraversato dalla S.S. 241 della Val d'Ega che attraverso il passo di Costalunga porta a Bolzano.

La moderna funivia Vigo-Ciampedie, direttamente dal centro del paese raggiunge in pochi minuti la conca del Ciampedie, a 2.000 metri, eccezionale punto panoramico sulla Val di Fassa e sulle Dolomiti di Fassa con il Catinaccio, le Torri del Vajolet e il Larsech, il gruppo del Sassolungo, il Gruppo del Sella, i Monzoni a più in lontananza la catena del Lagorai. Il Ciampedie è la base di partenza privilegiata per passeggiate, escursioni e arrampicate in tutto il gruppo del Catinaccio – Rosengarten, mentre in inverno è al centro della Ski Area Catinaccio.

Le prime notizie storiche di Vigo di Fassa, come di quasi tutti gli altri centri della Val di Fassa risalgono al Medioevo, anche se le prime tracce umane nella zona risalgono al Paleolitico quando cacciatori nomadi risalirono il torrente Avisio.

Il paese continuò a prosperare grazie all'agricoltura e all'allevamento fino al 1860, quando la costruzione della statale delle Dolomiti portò i primi turisti, soprattutto dall'Austria. Da quel momento agli antichi edifici del centro storico si affiancarono alberghi e residence, mentre le attività del settore primario lasciarono spazio al turismo. Coincide con quest'epoca la costruzione di nuovi rifugi alla base del gruppo del Catinaccio Rosengarten, dedicati agli alpinisti e agli appassionati di escursioni (tra i primi, alla fine dell'Ottocento, il Rifugio Vajolet).

Durante la Prima guerra mondiale il paese si trovò nel mezzo della prima linea del fronte, assistendo ad alcuni degli scontri più sanguinosi di tutta la guerra. Nel primo dopoguerra Vigo di Fassa, insieme a tutti i paesi della valle, passò all'Italia. Nel 1921 il paese subì un devastante incendio.

Nel secondo dopoguerra l'affermazione del turismo crebbe ancor più. Vennero costruiti i primi impianti di risalita e si svilupparono in maniera massiccia le attività ricettive.

Previsioni per 27/06/2017 - Pomeriggio

Temperatura max: 22°
Probabilità prec.: media

Previsioni per 28/06/2017 - Mattino

Temperatura min: 11°
Probabilità prec.: bassa

Previsioni per 28/06/2017 - Pomeriggio

Temperatura max: 20°
Probabilità prec.: alta

Previsioni per 29/06/2017 - Mattino

Temperatura min:
Probabilità prec.: alta

Previsioni per 29/06/2017 - Pomeriggio

Temperatura max: 20°
Probabilità prec.: media

Previsioni per 30/06/2017 - Giornata

Temperatura min:
Temperatura max: 19°
Probabilità prec.: media

Previsioni per 01/07/2017 - Giornata

Temperatura min:
Temperatura max: 18°
Probabilità prec.: media
giorno prec.giorno succ.

Livecam

News

OK

Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Se decidi di continuare la navigazione
consideriamo che accetti il loro uso. Informativa